News 2007

Alcune delle News del 2007

(Indietro)  (Home)

Per vedere il resto visita la pagina di MotoRazzo al salone di Milano

NUOVA TUONO FACTORY 


IL GIUDIZIO DELLA STAMPA:

Tanta adrenalina in sella e giudizi da vera leader di categoria: la nuova Tuono 1000 R Factory conquista la stampa specializzata, che ha messo alla frusta le prestazioni dell'ultima Aprilia hypernaked durante il Press Launch di Levico Terme.
Riportiamo alcuni giudizi degli esperti di settore, dopo la prova su strada di una moto estrema, nata per divertire.

FISICO BESTIALE
Il motore, come già detto, entusiasma per la sua capacità di ripresa anche dai regimi più bassi. In uscita dai tornanti, con la seconda marcia inserita, il V2 veneto alza la testa al minimo cenno del gas, accompagnando verso il cielo anche la ruota anteriore: libertà che si possono prendere grazie alla elevata fiducia nell'avantreno granitico, mai messo in crisi dalla trazione offerta dalla ruota posteriore.
Una gran bella moto, di quelle che fanno riscoprire la voglia di piegare e pelare il gas. Potente, pronta, mai difficile però da gestire per un pilota con discreta dimestichezza: l'ottimo telaio, il comparto sospensioni al top e l'eccellente bicilindrico si fondono al meglio in uno dei più riusciti prodotti italiani a due ruote.
Con la sua sostanza ed una apprezzabile attenzione alle finiture, Aprilia sembra la più adatta ad insidiare lo squadrone jap sia per qualità che per quantità.
Infomotori

UN RITMO INFERNALE
Così tra le curve ti trovi a volteggiare senza nemmeno avere bisogno di muoverti troppo sulla sella (che ho trovato un pelo scivolosa), godendo non solo di una reattività incredibile ma anche di una gran bella precisione di guida, doti che non è comune coniugare sulle moto con manubrio largo. Ci vuol poco a prendere un ritmo infernale, a mio parere insostenibile da qualsiasi sportiva, soprattutto perché tutta questa rapidità è accompagnata da un freni eccezionali e da una sensazione di controllo totale. Anche spalancando il gas fuori dai tornanti la Tuono non è mai nervosa, non sbacchetta anche quando la ruota anteriore perde il contatto con l’asfalto, e vi garantisco che succede spesso.
Motorbox

OLTRE OGNI LIMITE
Tuono 1000 R Factory offre prestazioni inarrivabili per qualsiasi concorrente bicilindrica, unite ad una ciclistica ancor più sofisticata, che non teme confronti nemmeno con una vera Superbike. Uno strumento professionale per tutti quei piloti che esigono lo stato dell’arte della tecnologia e il massimo delle prestazioni ottenibili. Piloti esigenti, dal palato fino, che certamente sapranno apprezzare le prestazioni record di questa stupefacente street fighter.
Topmoto

UNA QUESTIONE DI PASSIONE
Con un dito la si tiene in pugno e si frena fortissimo, con due si rischia di esagerare e ci si ribalta! I brembo radiali lavorano talmente bene che i già pochi 181 kg di peso sembrano ancora meno. La leggerezza dei cerchi OZ Racing in alluminio forgiato anodizzati è imbarazzante e la loro efficacia nella guida si sente eccome. Insomma bella e capace di farti godere cavalcandola. Fuori da ogni tornante il gioco ricomincia ed è sempre meglio man mano che cresce il feeling. Ci si prende la mano e si sperimentano traiettorie nuove, cercando anche di metterla in crisi. Niente da fare.
L’anteriore fa quello che pensi neanche fosse un sensore del cervello e la frizione antisaltellamento mi ha dato una fiducia mai provata fino ad oggi su un prodotto di serie.
Motoblog

L’impianto frenante è al top - pinza con attacco radiale a quattro pastiglie e tubi freno in treccia, ma tanta esuberanza è facilmente sfruttabile anche su strada grazie alla buona modulabilità; in staccata si apprezza anche la risposta della frizione antisaltellamento.
La posizione in sella non è estrema, anzi per essere una SBK senza carena è davvero comoda: ma per “aggredire” la strada è necessario spostare il peso sul manubrio caricando l’avantreno per limitare la tendenza all’impennata quando si ruota con decisione il gas.
In uscita dalle curve, infatti, la ruota anteriore cerca sempre di staccarsi dal suolo, ma basta non farsi intimorire perché l’Aprilia non perde la direzionalità nemmeno in quei frangenti. Ovvio che se si insiste con una guida così esigente, l’impegno psicofisico richiesto dalla Tuono è notevole… quindi calma su strada. Piuttosto portatela in pista, cosa che a breve faremo anche noi.
Motonline

 

La nuova Z1000
Honda Hornet 600
CBR 600 RR
Honda Varadero
Ducati 1098

Per vedere il resto visita la pagina di MotoRazzo al salone di Milano

(Indietro)  (Home)